Chat with us, powered by LiveChat
Consigli per l'ottimizzazione fiscale

Ecco come massimizzare le detrazioni fiscali

Di seguito una breve lista dei più importanti consigli di ottimizzazione fiscale per le persone fisiche e giuridiche.
Consigli

Scaricate qui il nostro opuscolo gratuito

Volete risparmiare sulle imposte?

Inserisci il tuo indirizzo e-mail e scarica gratuitamente il foglio informativo sull'ottimizzazione fiscale in formato PDF!
Periodo fiscale 2020
Scaricare i consigli
Periodo fiscale 2021
Scaricare i consigli
Ops! Qualcosa è andato storto. Prova di nuovo.

Ottimizzare le tasse in modo semplice e facile

Con l'aiuto dei seguenti consigli, puoi ottimizzare le tue tasse in modo semplice e facile.

Persone fisiche

Versare nel pilastro 3a

Quanto viene versato nel pilastro 3a, viene dedotto completamente dal Suo reddito imponibile fino all‘importo massimo di CHF 6.883 (2021) annui. La maggior parte dei conti del pilastro 3a sono addirittura gratuiti. I lavoratori indipendenti hanno la possibilità di versare fino al 20% del loro reddito da lavoro netto, fino a un massimo di 34'416 franchi (2021), nel pilastro 3a e di dedurlo dal loro reddito imponibile.

Investimenti per risparmiare sulle imposte

Se le obbligazioni vengono vendute prima della data di maturazione degli interessi l’utile generato, ossia la differenza tra il prezzo d’acquisto e quello di vendita, è esente da imposte (Capital gain). Non avviene quindi alcun pagamento d’interessi che, in caso contrario, risulterebbero imponibili. Gli interessi maturati comporteranno, in questo caso, solamente un prezzo di vendita più elevato. Per le azioni, la procedura è la medesima. In questo caso, bisognerà vendere il titolo prima del pagamento dei dividendi. Per poter effettivamente constatare la convenienza di queste procedure, sarà però necessario considerare anche le spese di transazione. Non è tuttavia da escludere che, nel caso di una procedura sistematica, il fisco possa sospettare un’evasione. Per questo motivo, preferire titoli che finanziano le distribuzioni con le riserve del capitale investito è un modo efficace per ridurre l’onere fiscale, essendo questi, pagamenti esenti da imposte.

Ditta individuale

Adesione facoltativa dell’imprenditore al fondo pensioni dei collaboratori

I titolari delle ditte individuali non sono obbligati ad aderire a un fondo pensioni. I lavoratori autonomi però hanno il diritto di aderire al fondo pensioni dei loro collaboratori su base facoltativa. I vantaggi sono vari: miglioramento della propria assicurazione contro i rischi, risparmio per la vecchiaia e diminuzione del reddito d’esercizio soggetto all’AVS e alle imposte, dato che i contributi spettanti al datore di lavoro (normalmente il 50% dei premi) possono essere contabilizzati come spese d’esercizio. Inoltre, i contributi del lavoratore in ambito della dichiarazione dei redditi privata sono deducibili. I lavoratori autonomi di mezz’età che decidono di aderire al fondo pensioni, hanno di norma interruzioni contributive piuttosto elevate. Di conseguenza sono in pratica possibili riscatti piuttosto cospicui. Tuttavia, bisogna considerare che in questo modo i lavoratori autonomi perderanno la possibilità di una "cospicua" deduzione fino a CHF 34.416 (2021). con versamenti nel pilastro 3.

Partecipazione del coniuge in una ditta individuale

Le RCDL sono pagamenti anticipati che il datore di lavoro versa facoltativamente a istituti di previdenza per coprire i propri obblighi futuri. L’importo di tali pagamenti anticipati è limitato. La confederazione e la maggior parte dei cantoni permettono di versare nella RCDL un importo fino a cinque volte quello dei contributi dovuti annualmente dal datore di lavoro. I contributi possono essere versati nel corso dell’anno corrente, ma in molti cantoni anche fino al 30 giugno dell’anno successivo. La RCDL non può essere recuperata, ma il datore di lavoro, per esempio, può indicare all’Ufficio Pensioni di addebitare i suoi contributi alla RCDL.

Sagl e società anonima

Rettifica di valore su crediti

La costituzione di una rettifica di valore (star del credere) sui crediti riduce l’utile e quindi l’onere fiscale. L‘amministrazione fiscale cantonale stabilisce per quale importo può essere costituita tale rettifica (per es. 5% o 10% die crediti commerciali).

Ammortamenti

Per le spese previste (per es. Garanzie o spese processuali) possono essere creati relativi accantonamenti. In caso di domande da parte delle autorità fiscali, dovrà essere fornita una prova dell’ammontare degli accantonamenti.

Siamo qui per voi!
Il nostro personale è a vostra disposizione nei giorni feriali dalle 08:30 alle 12:00 e dalle 13:30 alle 17:00. Non esitate a contattarci.
Servizi a partire da CHF 89.-